Libri consigliati

LA CONGIURA DEI POTENTI

Autore: Carlo Adolfo Martigli

sito web: http://www.martigli.com/

Genere: Romanzo storico e simbolico

congiura potenti

Dopo il successo di 999. L'ultimo custode, Carlo A. Martigli torna a raccontare il lato oscuro della Storia. Un romanzo ricco di passioni e colpi di scena in cui si intrecciano storia e finzione.

Worms, 1521. Costretto dall'imperatore ad abiurare le sue tesi eretiche, Lutero si rifiuta e difende la propria critica radicale alla decadenza della Chiesa di Roma. Esposto alle minacce più diverse, Lutero - grazie ad abili sotterfugi orditi a sua insaputa - trova rifugio presso l'uomo più potente della Germania e, probabilmente, dell'intera Europa. L'uomo è il banchiere Jacob Fugger, il «re di danari», l'artefice della carriera di tutti i potenti d'Europa, dal papa allo stesso imperatore. E Fugger ha molte ragioni per far sì che Lutero sopravviva e, soprattutto, che esegua la sua volontà... Ma a casa Fugger arriva anche un uomo dal passato tormentato e con un incarico segreto. L'uomo è Paolo de Mola e a ostacolare i suoi piani, e quelli del suo misterioso mandante, non saranno le rivolte contadine di Thomas Müntzer, né gli intrighi di potere. Sarà l'amore, quello proibito e clandestino per la bella e giovane moglie di Fugger, Sibylle... È il momento in cui la Chiesa da un lato e Lutero dall'altro devono scegliere tra il potere e il popolo. Sceglieranno entrambi il potere. È il momento in cui il potere assume la forma non delle armi né della fede, ma quella che dura ancor oggi: quella del denaro. È il momento in cui, per Paolo de Mola, diventare uomo significa combattere contro tentazioni e forze sconosciute. Con la sua consueta abilità, Martigli intreccia storia e finzione dando vita a un grande romanzo ricco di passioni e colpi di scena, raccontando la nascita di quella forma del potere economico che ancora oggi governa le nostre vite.



IL LESSICO DELL'ALBA (Segnalazione dell'ass. Culturale Il Gabbiano)


Autore: Gian Paolo Ivaldi

Genere: Romanzo storico e simbolico

Il Lessico dell'Alba

Il Lessico dell'Alba

Romanzo storico che illumina una pagina poco trattata delle vicende risorgimentali (perché la storia la scrivono i vincitori): i moti genovesi del 1849, promossi dalla massoneria e traditi dai Savoia che li soffocano nel sangue. Una cornice contemporanea ci mostra Ludovica Denuajer, studentessa di architettura, che visita il giardino romantico di villa Pallavicini a Pegli, e si alterna con la vicenda ottocentesca, raccontata dal punto di vista del giovane medico Luigi Crosa, che poi si scopre essere un antenato della ragazza.

L'immenso Parco di Villa Pallavicini è stato costruito nel periodo immediatamente precedente il Risorgimento dalla Massoneria genovese, e rappresenta il percorso dell'Uomo nel suo perfezionamento interiore, tramite simboli archetipici che vengono mano mano svelati nel corso del racconto.
Con molta semplicità e immediatezza, il Lettore viene introdotto nella simbologia della filosofia Massonica e nei suoi significati più elevati, quali il desiderio di continuo miglioramento dell'Individuo e, di conseguenza, dell'Umanità.
Attraverso le emozioni suscitate dalla visita ad un magico Parco, una giovane studiosa di architettura di giardini, entra in contatto con i suoi sconosciuti antenati e con una parte ignota di se stessa.
In compagnia di un simpatico ed improvvisato mentore, appassionato di studi storici ed esoterici, visitando il Parco della Villa Pallavicini di Pegli, troverà nel percorso metaforico voluto dal suo ideatore, Michele Canzio, la propria nemesi.

TITOLO

Nel titolo è contenuto il significato recondito del romanzo che vuole essere un lavoro simbolico oltre che storico.

LESSICO DELL'ALBA ovvero
Lèssico: il complesso dei vocaboli e delle locuzioni che costituiscono una lingua o un linguaggio particolare
Alba: il momento del passaggio dalla notte al giorno, in cui il cielo comincia a biancheggiare verso oriente; il primo chiarore del giorno.
Quindi passaggio: trapasso da uno stato a un altro, da una condizione a un'altra; con significato ancora più astratto, trasferimento,cambiamento.



STRUTTURA DEL ROMANZO

II racconto è diviso in due parti che si intersecano. La prima si svolge ai giorni nostri e vede Ludovica e Carlo, esploratori e quindi attori, più o meno consapevoli, di un'alchimia nascosta nei simboli del magnifico giardino allegorico di Pegli. '"

La seconda narra la vicenda di Ludovico Crosa, medico genovese e massone risorgimentale, che scrutando il mistero della vita e della morte, attraverso le sue esperienze lavorative, amorose, massonico speculative e di guerra (Sacco di Genova 1849), svolge un percorso di crescita interiore che si sviluppa nello stesso ritmo di commedia classica in cui è suddiviso il Parco.

Ludovica, ignara, tramite le emozioni che il Parco le suggerisce, entra in contatto empatico con frammenti significativi della vita e degli ideali del suo misconosciuto antenato. Tutto ciò provocherà una presa di consapevolezza interiore e critica, da parte della ragazza, sui valori decadenti della Società attuale e sarà il primo mattone per la costruzione di una futura rivoluzione interiore.

Un antico rituale Massonico del 1805, in cui viene istruito un ipotetico Apprendista Massone, segue la narrazione e scandisce il ritmo del racconto ottocentesco e del percorso del Parco.

COMMENTO di Francesca Niccolai

Un quadro storico rigoroso del Risorgimento genovese, che ripercorre eventi poco noti agli stessi abitanti della Superba e umanizza le vicende politiche e belliche di quegli anni alla luce di vicende personali coinvolgenti e appassionanti. Atmosfere ottocentesche magnificamente ricreate e sapientemente pervase di venature romantiche e gotiche. Personaggi sensibili e complessi, le cui esistenze si improntano all'irresistibile tensione verso un "oltre" ideale e al conseguimento dell'amor perfetto. La Massoneria - tema di urgente attualità e vera protagonista del romanzo - svelata e descritta quale stimolo al perfezionamento morale e intellettuale, da tradursi in un retto agire e in una continua ricerca filosofica. Il più suggestivo dei parchi genovesi raffigurato in maniera inedita, fuori dai consueti schemi della visita guidata e della fruizione limitata a coppiette e famiglie del Ponente urbano. Il tema del Viaggio, leitmotiv del romanzo, trattato sotto ogni angolazione - il viaggio di studi, il viaggio in Oriente, il viaggio d'esilio, il viaggio nelle varie realtà della città ottocentesca e di quella odierna, il viaggio interiore, il viaggio verso l'amore, la morte, la conoscenza suprema. Alla mobilità geografica corrisponde quella degli animi dei protagonisti, le cui vite non possono né vogliono rimanere statiche, seguendo invece una precisa direzione che attende trepidamente di rivelarsi. Un omaggio a Genova, alla sua storia, ai suoi luoghi, alla sua anima, da parte di un suo diletto figlio che, come il protagonista del romanzo, coniuga alla professione medica la passione per le scienze umane e letterarie. Tutto questo è Lessico dell'Alba, piccola summa racchiusa in poche pagine grazie alle ottime capacità di sintesi dell'autore. Da leggere tutto d'un fiato - né si riesce a fare altrimenti.

Risultato della ricerca

Nessun record trovato