24 Palazzo San Giorgio, via della Mercanzia, Genova

24 via della Mercanzia_f3
Appartenenza oggetto
Proprio
Copyright immagine
http://www.liguria.beniculturali.it/static/org_glizy/assets/images/noimage.jpg

Descrizione breve

Il palazzo fu fondato nel 1260 da parte di frate Oliverio per conto del Capitano del Popolo Guglielmo Boccanegra, quale sede di governo della città. Perduta dopo pochi anni questa funzione,  ospitò uffici e un carcere, fino a quando divenne sede del Banco delle Compere di San Giorgio. La parte cinquecentesca dell'edificio risale agli anni 1570-1571 (data documentata). Il prospetto su Via della Mercanzia fu affrescato da Andrea Semino a partire dal 1590 e terminato nel 1592. A soli quattordici anni di distanza, fra il 1606 e il 1608 fu necessaria una seconda affrescatura a opera di Lazzaro Tavarone. Interventi di restauro furono condotti negli anni Novanta dell'Ottocento sotto la direzione di Alfredo D'Andrade. Negli anni 1912-1913 avvenne il distacco delle parti di affreschi del Tavarone ancora superstiti, un'ampia campagna di documentazione, il rilievo a opera di Ferdinando Bialetti e la ridipintura dei prospetti da parte dello stesso, su cartoni di Ludovico Pogliaghi. Nuovi restauri sono stati effettuati fra il 1985 e il 1988, in occasione delle manifestazioni colombiane.

 

The building was founded in 1260 by monk Oliverio for the People’s Captain Guglielmo Boccanegra, to become the seat of the city government. After having lost its function after a few years, it housed offices and a prison, until it became the seat of the Banco delle Compere di San Giorgio. The XVI century part dates to the years 1570-1571. A prospect on via della Mercanzia was painted in fresco by Andrea Semino starting from 1590 and completed in 1592. Only fourteen years later, between 1606 and 1608, a second fresco work by Lazzaro Tavarone was necessary.
Restoration interventions were conducted in the nineties of the XIX century under the direction of Alfredo D’Andrade. In the years 1912-1913 the still surviving parts that were painted in fresco by Tavarone were detached, and at the same time the relief work by Ferdinando Bialetti and the re-painting of the prospects by the above, on cardboards by Ludovico Pogliaghi, took place. New restorations were carried out between 1985 and 1988, in the occasion of the events celebrating Cristoforo Colombo.

 

Scheda descrittiva

Scarica tutte le foto

24 via della Mercanzia_f4 24 via della Mercanzia_f5 24 via della Mercanzia_f2 24 via della Mercanzia_f1
Vai alla ricerca